CORSO DI FORMAZIONE ALL'UTILIZZO DELL'AUTORESPIRATORE DELLE MASCHERE A FILTRO

 

CORSO DI FORMAZIONE ALL'UTILIZZO  DELL'AUTORESPIRATORE DELLE MASCHERE A FILTRO

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 2 maggio 2001 - Criteri per l'individuazione e l'uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI) Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale di concerto con il Ministro dell'industria del commercio e dell'artigianato autorespiratori durante il lavoro (Supplemento ordinario alla Gazzetta ufficiale 8 settembre 2001 n. 209).

Il DM 2 maggio 2001 prevede che per l'utilizzo dei respiratori isolanti i lavoratori siano specificamente formati e addestrati, definendo tempi, contenuti e requisiti dei docenti. La formazione proposta soddisfa  i requisiti previsti dal decreto ed inoltre affronta le disposizioni normative sugli spazi confinati (D.P.R. 177/11).

 

CONTENUTI DEL CORSO:

Il corso sarà articolato in una prima parte teorica in aula e a seguire una prova pratica composizione ed effetti delle sostanze pericolose (gas, vapori, nebbie, polveri, ecc.).

 

PROGRAMMA:

Il Decreto 2 maggio 2001 n. 226 pubblicato sul supplemento ordinario alla "Gazzetta Ufficiale" n. 209 dell'8 settembre 2001 (recepimento della norma UNI 10720)

Norma tecnica UNI-EN 529/2006

D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 66

UNI EN 136 - Apparecchi di protezione delle vie respiratorie - maschere intere - requisiti, prove e marcatura

UNI EN 137 - Apparecchi di protezione delle vie respiratorie - autorespiratori ad aria a circuito aperto - Requisiti, prova e marcatura

UNI EN 12021 - Caratteristica dell'aria compressa per la respirazione umana

I pericoli derivanti dalla presenza di sostanze tossiche per l'organismo

Cenni sulla fisiologia della respirazione

Descrizione delle procedure per l'applicazione del marchio CE sui dispositivi di protezione di terza categoria

I filtri antigas, antipolvere ecc. loro classificazione

Le limitazioni d'uso dei filtri antigas in carenza di ossigeno oppure in presenza di sostanze tossiche per l'organismo

I prodotti della combustione (gas tossici, soffocanti, acidi, basi ecc.)

Situazioni dove è indispensabile impiegare un autorespiratore ad aria a circuito aperto. L'autorespiratore:

La maschera

L'erogatore o valvola a domanda

La bombola per la riserva d'aria respirabile

Il riduttore di pressione a pistone bilanciato

Quando entra in funzione l'allarme acustico

L'autonomia respiratoria in relazione alla riserva d'aria a disposizione ed al tipo di attività che si sta svolgendo

Come si calcola la quantità d'aria contenuta all'interno della bombola

Le nuove bombole in materiale composito

La manutenzione ed i controlli semestrali ed annuali (Decreto 2 maggio 2001)

Come si indossa e quali sono le precauzioni ed i controlli preliminari

Limitazioni d'uso

Il comportamento da tenere in occasione di intervento in presenza di gas tossici, asfissianti o di sostanze pericolose in genere

Sostituzione della bombola per l'aria respirabile con le modalità di sicurezza e di controllo previste

Conseguenze di un insufficienza di ossigeno sull'organismo umano

Respirazione umana

Aspetti fisiologici

Classificazione, struttura, funzionamento e prove degli APVR e degli apparecchi di rianimazione

Limite dell'effetto protettivo, durata d'impiego, sostituzione delle bombole e delle cartucce di rigenerazione

Indossamento degli APVR, delle maschere a filtro e degli indumenti protettivi

Comportamento riguardo la protezione respiratoria durante l'addestramento, durante l'uso effettivo e in caso di fuga

Conservazione e manutenzione degli APVR.

 

DURATA DEL CORSO:

Teoria e prova pratica d'addestramento la formazione di base è fissata in almeno 20 ore

Se non si devono effettuare operazioni di salvataggio la stessa può essere ridotta a non meno di 8 ore.

 

AGGIORNAMENTO:

2 volte all'anno se il personale deve effettuare operazioni di salvataggio

1 volta all'anno per coloro che utilizzano normalmente gli APVR.

 

SEDE DI SVOLGIMENTO DEL CORSO: Catania

 

Alla fine del corso è prevista una prova di esami teorica/pratica.

 

Ai partecipanti che avranno superato la prova di esami teorica/pratica verrà rilasciato un attestato delle competenze da parte di un ente certificatore di parte terza.

 

 

Contatto

 

CONTATTACI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI